Wednesday, December 20, 2006

ZAMPONE as a POPULAR ART : a short HISTORY of ZAMPONE























Per la serie "La Storia Siamo Noi" ; or , better , come sosteneva il Grande Poèta PAOLO LIGUORI :" Storia e Geografia ? e che ce importa??... A che Ora Se Magna?", volevo segnalarvi un piacevolissimo librone che sto leggendomi in questi giorni.
Il book è stato editato 10 anni fa dalla Cassa di Risparmio di Mirandola e s'intitola: " CIVILTA' della CUCINA Nelle TERRE dei PICO e dei GONZAGA" ( by Giacomo RAVAZZINI).
Il libro è veramente interessantissimo . Trattasi di un excursus molto dettagliato all'interno delle (ricche) tradizioni culinarie della nostra area.
Visto che siamo in full Xmas Time volevo divulgare un attimo la sezione dedicata a uno dei "piatti forti" della nostra cultura gastronomica: the ZAMPONE.
Sembra , da alcune fonti (esempio" Il Secondo Grande Assedio della Mirandola") che lo zampone sia stato inventato , a Mirandola, durante il famoso assedio (inverno 1510-11) che la cittadella dei PICO subì (in quanto alleata del re di FRANCIA) da parte delle truppe pontificie di Papa GIULIO II .
Prevedendo un lungo assedio a un cuoco di corte venne un'idea: condire e salare la carne più magra dei maiali e poi riempire con questa carne gli zampetti dei suini.
Gli zampetti sarebbero poi stati cuciti e il tutto sarebbe poi stato cotto e consumato quando fosse servito durante il previsto lungo assedio.
Nel 6-700 lo zampone s'impose sempre più nelle tavole signorili mantovane e modenesi.
Nel '700, nella sua "Salameide", il poeta ferrarese FRIZZI scriveva "Col nostro cotechin come fratello / di Modena il zampetto al par cammina".
Nell'Ottocento lo zampone iniziò ad estasiare noti esponenti del mondo della cultura e della politica.
Il futuro premio Nobel Giosuè CARDUCCI "veniva a mangiare a Modena, per le feste di Natale, con uno stuolo di professori e poeti , facendo ampio uso di zampone e lambrusco".
Mazzini, esule a Londra, esaltava in una sua lettera "le carni da maiale modenesi".
E'mile ZOLA, nel 1895, si dichiarò totalmente conquistato dallo zampone: "pietanza deliziosa e divina".
Mentre nel dicembre 1867 Giuseppe GARIBALDI scriveva al salumificio Bellentani: " Ho gustato i vostri zamponi. Rinomanza meglio basata per i tempi che corrono difficilmente potrebbesi riscontrare come quella cui a giustissimo diritto gode sì squisito vostro addobbo. Di vero cuore vi ringrazia il vostro Giuseppe Garibaldi".
Una curiosità: nel 1965, ad un convegno gastronomico, Luigi Carnacina disse che aveva notizia di una ricetta tipica del periodo austro-ungarico: lo zampone con lo zabaione (????).
Gli rispose, sarcasticamente, il dott. Leonelli: " Per quante ricerche io abbia fatto , non ho trovato riscontro nell'intera area basso-modenese/mantovana, all'uso dello zabaione con lo zampone. Il richiamo al periodo austro-ungarico mi fa poi pensare che tale abbinamento sia ormai in DISUSO. ..E non sarò certo io a rimpiagerlo!!!".
Parole SANTE, dùtur! Lasciateci lo zampone con le lenticchie o il purea di patate.
I miscugli agro-dolci li lasciamo ad altri! :)
Michele
(attached: some images of zampone plus an image of our Mantova town under snow)











Labels:

21 Comments:

Anonymous Anonymous said...

yeeeaahhhhhhhh!!!!!!!!!
Tutti da Michel a magnare lo zampone!!!
Che fame!!
Cristiano

6:26 AM  
Anonymous Anonymous said...

paolini lo mangia lo zampone?

6:48 AM  
Anonymous Anonymous said...

..da quanto ho visto su quello schifo di sito Paolini mangia altre cose...dovrebbe vergognarsi a mostrare certe cose,non perchè io sia un moralista, ma perchè è ridicolo ...meglio parlare di BELINDA CARLISLE va, che era molto più bella di quel pagliaccio!
Mi.

10:50 AM  
Anonymous Anonymous said...

si dfai allora ..la bella belinda..
w le GOGOs e grande lei ..cantava qualcosa tipo holiday in Cambodia? (non quella dei DK)
Cristiano

(la fame di zampone c'e')

2:09 AM  
Anonymous Anonymous said...

Bellissima BElinda Carlisle e grandissime GO GO's ,...per lo zampone: purtroppo non ci sono più quelli di una volta, ora sono precotti, ma comunque ottimi davvero anche quelli devo dire,..boh magari si potrebbe organizzare qualcosa quando esce il prossimo disco,..una presentazione with "zamp",..anche se è un pò peso hehe:)....ah, by the way of "suini",ho sentito che quel Paolini è in cerca di rockers, vuole buttarsi sul genere "rock/ soul/indie",...vorrebbe conoscere te e il Pasqualone Boffoli (haha...scherzo ovviamente!)

2:33 AM  
Anonymous Anonymous said...

beh potrebbe essere una buona idea..!
mantova,zampone a parte, e' una delle mete di una mia prox gita fuori porta.
Si si, dacci l'indiizzo che andiamo io e pasqualone coi nostri sgherri a far visita a quel minchia di paolini!!
C

6:18 AM  
Anonymous Anonymous said...

dovre scriverlo forse sull altro blog ma ti segnalo l'uscita del libro
"Silvio Piola Il senso del goal"
di Lorenzo Proverbio
ed. Mercurio.

Lorenzo e' un caro e vecchio amico e ha portato a termine questa impegnativa ma validaopera di ricerca.

Lorenzo era tra l'altro il keyboad degli Effervescent Elephants, che sicuramente ricordi.

Cristiano

7:58 AM  
Anonymous Anonymous said...

gli Effervescent Elephants? grandiosi,..ho il 45 giri "Radio Muezzin",....grande Silvio Piola (tra l'altro capocannoniere assoluto Serie A), ti scrivo in privato domani per questo book (se vuoi ci si fa un post per pubblicizzarlo un pò, mi sembra molto interessante) e per le altre cose, a prest

Mic.

8:22 AM  
Anonymous Anonymous said...

han poi solo fatto un album..poi chiusa la storia.
Ricevuta la mail.
no probl tuttapposto.
Cristiano

5:55 AM  
Anonymous Anonymous said...

gracias Crist per le info, ok attendo la review, ti auguro un buon Natale,...PS: ma Paolini è quello delle edizioni Paoline??? :) (I joke:)
Mic

12:32 AM  
Anonymous Anonymous said...

si si proprio lui..
C

6:31 AM  
Blogger Pasquale Wally Boffoli said...

lo zampone fa brutti scherzi eh ?
E' dal 20 che latiti....

12:39 AM  
Anonymous Anonymous said...

haha:) è vero,...in compenso mi sono letto le "Bucoliche" di Virgilio,..prestissimo faccio un'analisi "storiografica" sul lambrusco, altro "nettare" irrinunciabile per ogni 60s-beat-punk-wave fan...e chissenefrega se anche Ligabue l'ha decantato:)
Michele

1:16 AM  
Anonymous Anonymous said...

ehi ciao vai di lambrusco mick!
Cristiano

7:48 AM  
Anonymous Butel 1 said...

Ciao ragazzo, giungo per caso al tuo blog tramite una ricerca molto "popular".

Il titolo del tuo blog mi ha acchiappato, sono dannatamente pop-addictet e penso di poter pur trovare qualche post absolutely-pop-culture, right?

Non è che me ne segnaleresti uno per la serie "comincia da qui".
Thanks.

Saluti,
Butel 1

12:32 PM  
Anonymous Anonymous said...

vai su paolinihard..hahahaha!!!

4:21 AM  
Anonymous Anonymous said...

e' molto POP!

6:38 AM  
Anonymous Anonymous said...

mic e' proprio andato...

4:23 AM  
Anonymous Anonymous said...

hola ragazzi, ho avuto la dannata Adsl rotta,...finalmente è venuto il tecnico,...ora sono pronto per spaccarvi i maroni di nuovo:)...w i Barracudas!
Michele

1:06 AM  
Anonymous Anonymous said...

hola barracuda!
ben traghettato nel new year?
very funny mr Butel!
C.

2:13 AM  
Anonymous Anonymous said...

gracias Crist, ne ho approfittato per portarmi un pò avanti con il book,..Butel: qui tutto è Pop Culture :da Sandro Giacobbe all' Evghenij Oneghin di Aleksandr Puskin che mi sono appena leggicchiato e su cui farò un post soon credo,..alle tette di Sabrina Salerno,allo sguardo del Grande Mario Carotenuto...,ai saggi di Roland Barthes, ai 45 giri dei JOLT e al 12" dei CHINA WHITE (L.A. punk 1981), non c'è assolutamente differenza tra High e Low Culture , quelle le lasciamo volentieri agli "idealisti" pre-post-crociani 800-900centeschi e ai loro retorici e patetici epigoni 2007-eschi:)
Michel

2:28 AM  

Post a Comment

<< Home

Blogarama - The Blog Directory links