Friday, September 28, 2007

The CHESTERFIELD KINGS "Psychedelic Sunrise" (WICKED COOL records, 18th september, 2007)


Et voilà il brand new lp (uscito il 18 settembre )dei grandi CHESTERFIELD KINGS recensito ottimamente dal Wally.
Mick

I vetero-appassionati di garage sanno sempre cosa attendersi da un nuovo disco dei
Chesterfield Kings, vere icone viventi (insieme a Fleshtones e Fuzztones), depositari fedeli del verbo rock&roll/garage/punk d’estrazione sixties/seventies sin dagli anni ’80.

E non sono mai traditi perché quella di Greg Prevost e c. è una vera ‘missione’ archeologica,tesa al recupero attualizzato dei contenuti ormai cristallizzati nel tempo della ‘vera’ cultura garage/psichedelica,.... ed il titolo del nuovo album ne è la riprova: Alba Psichedelica !

Negli ultimi tempi in modo particolare i Kings di Rochester hanno fatto della citazione una vera e propria arte, che probabilmente a molti potrebbe sembrare sterile, ma -chi ha superato gli ‘anta’ed ha nel dna certe cose li considera semplicemente alla stregua di indomiti templari, tenaci custodi del santo graal.

Il nuovo lavoro, Psychedelic Sunrise, col quale si accasano comodamente con la Wicked Cool di Little Steven, che tanto sta facendo per la rivalorizzazione del patrimonio storico del puro rock americano con il suo Underground Garage, è una vera miniera di citazioni, ma dimostra al contempo una straordinaria maturazione e compattezza di suoni: un vero ‘wall of sound’ chitarristico, ritmico e vocale (molto più curati di una volta i cori!) denso di un’accurata ricerca armonica e melodica e di una varietà affascinante di temi.

Psychedelic Sunrise ha due anime : la prima è quella descritta un po’ sinora, una psichedelia epica direzionata soprattutto verso i tardi anni ’60 britannici, quando gli arrangiamenti e le armonie si facevano più complessi con l’intreccio di suoni e strumenti nuovi (sitar, clavicembalo, harpsichord, e persino violini!) rispetto all’ingenuità beat, con cori sempre più sofisticati.

Ne venne fuori un folto e variegato panorama di bands ‘freakbeat’ (termine coniato molto più tardi),accanto ai capisaldi pop-psichedelici a 33 e 45 giri di Beatles, Rolling Stones, Yardbirds, Traffic ed (in America) dei Byrds. Stiamo parlando di un lasso di tempo tra il’66 ed i primissimi anni ’70.

Il primo brano di P.S., Sunrise (Turn On) ricalca l’incipit vocale di Puzzles degli Yardbirds, ben integrato in un accattivante mood spagnoleggiante (con tanto di nacchere) che poi si dipana selvaggio ed elettrizzante con Greg Prevost sboccato e Paul Morabito, chitarrista ritmico-solista scintillante come non mai, creatore di aggressioni ed oasi soniche stupefacenti!

Rise and Fall è la prima grossa sorpresa: su un ineluttabile ritmo cadenzato Prevost e c. sciorinano fantastici cori alla Byrds ed armonie quasi trascendentali: la raggiunta maturità espressiva è qui una splendida realtà, il suono è denso ed avvolgente: i nostri eroi alle prese con il fatale alternarsi delle fasi vitali?

Il percorso dell’alba psichedelica continua con Streaks and Flashes, brano arioso e solare che inizia ed è attraversato fascinosamente dal tema chitarristico di Child Of The Moon degli Stones (era il lato B di Jumpin' Jack Flash), non si scappa.

Elevator Ride è forse il brano più ortodossamente psichedelico nel senso che i Kings inseriscono ,piuttosto incautamente .a più riprese nel corpo del brano il tema di Set the control for the heart of the Sun dei Pink Floyd (da Saucerful of Secrets). L’effetto é un pò imbarazzante perché la citazione é troppo lampante, vanificando un po’ il valore di un brano stracolmo di energia lisergica.
L’unica caduta di tono dell’album!

La stessa cosa avviene con il sitar,l’inizio ed il refrain di Spanish Sun, che attingono a piene mani allo storico single dei Rolling Stones Paint It Black. In tal caso però riescono ad integrare il tutto con un ottimo sviluppo in progressione dell’armonia.

All’anima più prettamente freakbeat appartengono anche la meditabonda Gone (a tempo di valzer), una riflessione distesa sulla caducità dell’ispirazione artistica (brano che evoca la pienezza del sound di certi Hearbreakers, la band del grande Tom Petty), e Yesterday’s Sorrows, un incrocio tra un outtake di Their Satanic Majesty’s Request (sempre Stones) e le sonorità psycho degli ultimi Yardbirds (quelli con J.Page e J.Beck) con Morabito ancora in superba evidenza.

Entrambi i brani mostrano quanto si sia dilatata la vena compositiva dei Chesterfield Kings.

Addirittura barocco il minuetto di Inside Looking Out, sorta di Lady Jane del nuovo millennio, sapida di clavicembalo e violini (l’avreste mai detto!) con Greg Prevost che mette sul piatto inediti moduli vocali: il brano la dice lunga su quante sfaccettature freakbeat i re di Rochester stiano esplorando e riportando alla luce!

La seconda anima di Psychedelic Sunrise è quella più selvaggiamente americana e più in generale rock&roll: per l’ennesima volta dimostrano di essere i veri eredi del rock dell’oltraggio degli Stones migliori; uno sfacciato Keith Richards-riff apre Stayed too long, nella quale echeggiano anche le New York Dolls più puttane, brano che si fa godere alla grande nella sua fragranza ed immediatezza.

Stesse chiarissime influenze in Up and Down, l’episodio più radio-friendly del disco, con fresche movenze power-pop.
Ma è in Outtasite e Dawn che i C.Kings suonano dannatamente offensivi, due autentici pugni nello stomaco, fradici di fuzz e di magnetiche sortite chitarristiche (Paul Morabito è in possesso di un tocco davvero superlativo!), con Greg Prevost scurrile, jaggeriano al cubo.
Il suo carisma vocale e di performer oggi non teme rivali e lo dimostra alla grande in questi due brani:
‘ I…can’t…wait …till …dawn !’ soprattutto. Qui, nella parte centrale, ricrea all’armonica -insieme all’inesorabile macchina ritmica dei Kings - l’antico Yardbirds-speed (I’m a man, I Wish you would etc…)che i veterani che ci leggono ricorderanno bene!

In definitiva, Psychedelic Sunrise è un disco meno introspettivo ma molto più frastagliato, fresco ed agile del suo precedente, The Mindbending Sounds of Chesterfield Kings. .


Voto : 8 / 10





The Chesterfield Kings
Living Eye Ltd.
PO Box 12956
Rochester, New York 14612 USA
Ph# 585.425.3640
email: c.kings@att.net
http://www.chesterfieldkings.com/

www.myspace.com./chesterfieldkings


PASQUALE BOFFOLI

Labels:

106 Comments:

Blogger Pasquale ' wally ' Boffoli said...

grazie per la pubblicazione Mick....

avverto subito i protetti di Little Steven!

P.S. Preferirei essere additato come Wally

7:24 AM  
Blogger Pasquale ' wally ' Boffoli said...

come mai cliccando su C.Kings Italia fan club riesce l'homepage di Popartx....forse che siamo noi i suddetti?

7:25 AM  
Blogger Pasquale ' wally ' Boffoli said...

Mick....il testo rosso su sfondo scuro si fa molta fatica a leggere

7:27 AM  
Blogger Michel said...

..yeah ora ci autoproclamiamo Chesterfield KINGS ( e BARRACUDAS e LONG RYDERS) fan club Italia ,a URSUS la tessera n.0 , d'altronde le seguiamo dagli esordi'ste bands....ok , domani cambio colore e metto Wally, ..va bene color giallo??

ps: Cristiano:...in effetti degli EYES uscì nel 1966 l'ep UK "Arrival Of The Eyes , including , oltre a "When The Night Falls (la più psychedelica),..."I'm Rowed Out",.."My degeneration" e "The Immediate Pleasure"

7:44 AM  
Blogger Pasquale ' wally ' Boffoli said...

certo Mick
il giallo o il bianco vanno bene
scusami se ti rompo le scatole ma credimi, sarà che a 55 anni comincio a rottamarmi, ma col rosso non riesco a leggere una minchia!
Che bello...
Siamo il Fan Club Chesterfield Kings italiano
Posso avere la tessera n.1 ma anche la 2 andrebbe bene!

8:02 AM  
Anonymous Anonymous said...

Wally ha ragione sulla facilita' di lettura!
Non vedo l'ora di sentire il disco.
La mia tessera? #3? ma anche 4 va bene!!
Cheers
c

8:04 AM  
Anonymous Anonymous said...

perfect,.... ma ditemi voi con che colore si legge meglio ??...
Mich.

8:06 AM  
Blogger Michel said...

..yeah , avete ragione, in jaune si legge mieux...e fa più Tour De France!
Bernard Hinault

8:11 AM  
Blogger Pasquale ' wally ' Boffoli said...

grazie Mick
gentilissimo ora va meglio!

11:26 AM  
Anonymous Anonymous said...

Urrah per Boffoli!Finalmente ho trovato in rete uno più vecchio di me,cominciavo a sentirmi troppo demodè,per cui il numero ZERO lo cedo a lui,precedenza di età URSUS

1:27 PM  
Blogger Pasquale ' wally ' Boffoli said...

no grazie Ursus....
preferisco ed ho sempre preferito essere il numero 1
(il Wally in preda ad un attacco di megalomania acuta !)
ah ah ah !!!
Ma tu quanti anni hai ?

1:11 AM  
Anonymous Anonymous said...

Sono del 14/06/1960...per cui il periodo aureo l'ho vissuto solo di riflesso,grazie al mio fratello maggiore,ma son sempre stato abbastanza precoce musicalmente ed ho cominciato a frequentare i concerti dall'età di 13 anni circa,cosa che non faccio più da molto per vari motivi URSUS

3:17 AM  
Blogger Pasquale ' wally ' Boffoli said...

ho capito...beh ci sei andato vicino comunque!
Nel '66 avevi 6 anni e qualcosa avrai certo origliato uscito in quell'anno fatidico
Io invece ne avevo 14...per cui sono stato investito senza possibilità di fuga da......ed in tempo reale!
Ti lascio immaginare!
Ne porto ancora le cicatrici!!!

6:10 AM  
Anonymous Anonymous said...

Nel 1966 ricordo,oltre ai fumetti ed ai caroselli televisivi con Coccobill,Calimero ecc,mio fratello tuo coetaneo che provava in cantina pezzi tipo "Satisfaction","See see rider" ecc...con altri amici,le cose che più mi sono rimaste in mente risalgono all'anno dopo perchè lì cominciarono a suonare dal vivo come TEMPLARI e se la laringite di Mich ce lo permette dovremmo parlarne presto in questa sede...io e Cris stiamo pazientando per via della salute,ma non so fino a quanto potremo ancora URSUS

7:39 AM  
Anonymous Anonymous said...

farò di tutto per approntare l'articolo in pochi giorni,...ah Ursus, m'ha scritto un email un ragazzo(mi chiedeva conferma se c'era "All The Good Children Go To Hell" degli AFTERHOURS)) che aveva letto il comment su PopArtx nel quale parlavamo di Oracolo,...voleva sapere se era possibile reperire il disco

Mich.

9:22 AM  
Anonymous Anonymous said...

...sempre in tema di ultra-psychedelia e 1967,.. su una vecchia compilation mi ascoltavo due gems di psych USA: "Sing Out" dei MORNING DEW (ho trovato che erano del Kansas ed incisero svariati 45s e 2 lps tra 1967 e early 70s) e un brano dei BAROQUES (questi dovrebbero aver inciso un lp di pura psychedelia nel 1967)
Mich.

9:55 AM  
Anonymous Anonymous said...

Si,conosco sia i Baroques che i Morning dew,entrambi albums eccezionali,ristampati negli anni 80,dopo non so...il disco degli AFTERHOURS era stampato dalla Toast:ho visto Tedeschi proprio oggi,non so però se è ancora in catalogo,comunque può provare a chiedere sul sito www.toastit.it
di sicuro ha ancora delle copie dell'LP dei VEGETABLE MEN di Pescara,che erano un ottima band oggi purtroppo un pò dimenticata,quello merita!
Io ho delle copie del nostro CD "Medusa" al prezzo speciale di 3 euri,se interessano affrettatevi perchè sono le ultime
URSUS

3:17 PM  
Anonymous Anonymous said...

..dei VEGETABLE MEN ascoltai solo un paio di tracks ma erano effettivamente valide,...ok tienimi na copia di "medusa" , me la manderai più avanti quando mi mandi la grack da utilizzare per il new volume di Proiettili Italian Cazz Waves :)
Mich.

1:41 AM  
Anonymous Anonymous said...

??grack??...I meant "track" sorry

1:41 AM  
Anonymous Anonymous said...

Avvertimi un pò prima,quando sarà,perchè il pezzo devo riversarlo su CD e lo faccio fare a mio fratello che è attrezzato più di me,l'LP dei vegetable lo puoi ordinare alla Toast URSUS

4:35 AM  
Anonymous Anonymous said...

scusami Ursus mi sfugge
in che gruppo suonavi autore di Medusa?
Mi interesserebbe una copia!

5:34 AM  
Anonymous Anonymous said...

son Wally scusami

5:35 AM  
Anonymous Anonymous said...

ursus, con permesso mi sostituisco nella risposta a Wally.
Erano i No Strange, da Torino.
La mia copia ti dissi gia di tenerla noUrsus?
tanx
C

6:29 AM  
Anonymous Anonymous said...

Mich grazie x il giallo del post, come SAI BENE qui si accusano cali di vista impressionantti e tu sai bene il perche'..eh eh eh
C

6:30 AM  
Anonymous Anonymous said...

yes, devo dire in giallo piace di più anche a me,...cmq , visto che Wally citava TOM PETTY & THE HEARTBREAKERS, grandi i primi album e too era molto valido il primo di MARSHALL CRENSHAW, molto costelliano
Mich.

6:53 AM  
Anonymous Anonymous said...

ci vogliamo metter un po di rosa?

7:01 AM  
Anonymous Anonymous said...

not a bad idea, tenterò se possibile,..cmq parentesi pop: grandissimo pezzo : SUA MAESTA' AMANDA LEAR in "Incredibilmente Donna",...una delle vette degli 80s
Mich

7:06 AM  
Anonymous Anonymous said...

...cmq bands come BAROQUES etc. erano eccezionali but io vado assolutamente pazzo per le bands inglesi , ad esempio nel vol. 2 di "Rubble" di cui si parlava mesi fa ci sono 2-3 tracks eccezionali dei WIMPLE WINCH ( ad es. "Lollipop Minds" )...per non parlare della dolcissima "World Spinning sadly" dei PARKINGLOT, fantastica
Mich.

7:37 AM  
Anonymous Anonymous said...

marshall crenshaw mi sfugge..il nome lo ricordo pero'
C

7:55 AM  
Anonymous Anonymous said...

..sia stilisticamente che come look era un incrocio tra ELVIS COSTELLO e BUDDY HOLLY,...a quell'epoca uscirono veramente piccoli gioielli inestimabili (non sto parlando solo di CRENSHAW , di cui ho ascoltato solo il primo lp (credo del 1982)
Mich.

7:59 AM  
Anonymous Anonymous said...

Per le copie di MEDUSA ne porto un pò alla fnac quando ci si vede per Tony Face,per chi non passa da Torino posso spedirle,in una busta per CD la spesa è modesta(anche se è più del costo del CD)URSUS

4:09 PM  
Anonymous Anonymous said...

d'accordo,...anyways per il LEGGENDARIO SAMMY BARBOT di cui si parlava,..il MItico Individuo cantò per la soundtrack di "Mark Il Poliziotto" (1974) ,...un funkaccio accreditato a Lui e ADRIANO FABI, ottimo
Mich.

2:37 AM  
Anonymous Anonymous said...

"Mark il poliziotto" era con il divo dei fotoromanzi Franco Gasparri,purtroppo deceduto da tempo...non c'entra nulla:ma mi sapete dire chi è quel cazzaro che ha riempito youtube di suoi filmati,un tale Pino Scotti che sembra la caricatura di Ozzy Osbourne(il che è tutto detto)ma che??I metallari sono rappresentati da un simile ominide??Ma non sa nemmeno parlare...il bello è leggere i commenti di suoi amici e parenti che lo esaltano per le quattro cazzate che dice... URSUS

3:25 PM  
Anonymous Anonymous said...

damnn ho visto il tipo, ...e chi sarebbe?uno dell'ufficio stampa del ceppalonico?'..domani ascolto il Verbo
Mich

8:45 PM  
Anonymous Anonymous said...

I METALLARI NON SONO UOMINI,infatti.
Bensi OMINIDI.
Hai sempre ragione Ursusdursus

C

1:07 AM  
Anonymous Anonymous said...

E' bellissimo(si fa per dire)quando parla dei gay con frasi tipo "Noi abbiamo il rispetto,però che cosa vogliono sti ricchioni??" Ma di dove è uscito fuori sto imbecille?E' allucinante URSUS

3:34 AM  
Anonymous Anonymous said...

haha dice letteralmente "grande cose" ...un grammatico, non c'è che dire
Mich.

3:39 AM  
Anonymous Anonymous said...

Noi abbiamo sti ricchioni, ma cosa vuole sto rispetto?

5:39 AM  
Anonymous Anonymous said...

ho visto che insulta a destra e a manca su u tube,..e millanta un'amicizia con Omar Pedrini,...sai chi cazzo se ne frega??...sono orgoglios di non aver mai ascoltato un suo disco:)...e direi che , nonostante tal "pecca", credo di avere una cultura rock enciclopedica:)
Mich.

5:43 AM  
Anonymous Anonymous said...

Ma è incredibile come certa gente non si rende conto di essere ridicola,si fanno filmare come delle stars e scrivono i commenti tra di loro convinti di fare i fighi...ma è peggio di un'Italia scoreggiona,qui siamo giunti alla dissenteria URSUS

10:10 AM  
Anonymous Anonymous said...

e il bello è che si crede un grande esperto di musica
M.

10:24 AM  
Anonymous Anonymous said...

Qui a Torino diciamo CHE PICIU!!
URSUS

1:58 PM  
Anonymous Anonymous said...

Prossimamente vedremo Pino Scotto al Billionare
Joe

2:32 PM  
Blogger Pasquale ' wally ' Boffoli said...

ma che cazzo perdete tempo dietro questi esseri inutili !

11:07 PM  
Anonymous Anonymous said...

Hai ragione,però sono lo specchio di una situazione sociale che PURTROPPO c'è ed è bene che non la si accetti senza fiatare...io personalmente sono stufo di questi luoghi comuni che vogliono tutti i cultori del rock come esseri lerci e ignoranti,intenti a consumare droghe e a proferire FUCK di qua e fuck di là...di questa retorica non ne posso più,non so voi ma immagino che la pensiate allo stesso modo URSUS

1:50 AM  
Anonymous Anonymous said...

beh per me questo Scotti o chi cazzo è per me non fa testo,...mi sembra più il tipico esibizionista ,..tra l'altro non è nemmeno capace di profferire 2 frasi correttamente,...poi non è assolutamente un esperto di rock in senso lato: è il classico "rockettaro" limitato cresciuto con roba da rivista rock patinata tipo Pearl Jam, Iron maiden, Led Zeppelin,Nirvana, Ligabue e pochi altri,..nulla a che fare con la psichedelia come forma "open minded" o col vero r'n'r dei RADIO BIRDMAN etc. o dei DM3 o dei GREEN ON RED che costui non sa manco che esistano
Mich.

2:17 AM  
Anonymous Anonymous said...

sinceramente non so bene di cosa state parlando. qualcuno su U tube?
dico sul serio.. ma credo di non perdermi niente no?
poi come invece diceva il Grande TINO SCOTTI..BASTA LA PAROLA! in questo caso
"Che Piciu!" e' piu' che eloquente..
C

3:08 AM  
Anonymous Anonymous said...

infatti, molto meglio il grande TINO SCOTTI (lo ricordo in un Carosello)
Mich.

3:20 AM  
Anonymous Anonymous said...

infatti, molto meglio il grande TINO SCOTTI (lo ricordo in un Carosello)
Mich.

3:20 AM  
Anonymous Anonymous said...

era appunto FALQUI!!!
il confetto dal sapore di prugna con effetto "lassativo"..mi dicono, perche non lo provai mai
C

5:26 AM  
Anonymous Anonymous said...

ah yeah grande, ricordo, la pastiglia FALQUI,...se non ricordo male faceva anche uno sceneggiato stupendo che guardavo sempre, "Bambole Non C'E' Una Lira"
Mich.

5:29 AM  
Blogger Pasquale ' wally ' Boffoli said...

d'accordissimo con Ursus...
anch'io non sono uno stereotipo di rocker avulso dal mondo che lo circonda e dalle sue problematiche...
anzi!
Ho fatto e farò addirittura musicoterapia (con il rock ed altro...!) nei CSM qui a Bari proprio per inserire la musica ed il rock nelle dinamiche sociali.
E poi ho le idee ben chiare su ciò che succede nel mondo!
D'accordissimo anche con Mich riguardo la psichedelia 'open mind'...del resto le bands e le rece che faccio credo parlino chiaro...BABY WOODROSE, CHESTERFIEL KINGS, JULIAN COPE e tanto di cappello a Radio Birdman, Green on red etc.....

6:44 AM  
Blogger Pasquale ' wally ' Boffoli said...

solo che permettetemi un
minimo di stupore se constato che dai C.Kings si finisca a parlare di Tino Scotti.
O quando scopro che i 93 commenti riguardanti il mio articolo sulla Bad Afro solo per il 10 % parlano dell'argomento iniziale.
Lo so che da cosa nasce cosa..
però in fondo non aveva tutti i torti quel tizio sul Mucchio (non ricordo quale giornalista) sparava a zero sulle chat dei magazine on-line dicendo che alla fine diventano una sorta di bottega o bar dello sport di cui di tutto si parla meno che di musica...

6:50 AM  
Anonymous Anonymous said...

Beh,di musica in qualche modo si parla sempre...d'altro canto è anche bello superare i classici schemi in cui tutto viene rapportato alla solita critica estetica tipo "questo è bello,l'altro no"
Io non leggo più riviste musicali da anni,ma francamente non me ne frega molto,capisco perfettamente che ognuno debba fare il suo mestiere ma la libertà consiste anche nel trattare argomenti diffusi,magari apparentemente lontani,però se debbo leggere di semplici recensioni di dischi allora opto per altri mezzi...a me questa cosa dello spaziare,o magari pure cazzeggiare,mi piace molto invece,forse perchè non faccio il giornalista URSUS

7:23 AM  
Anonymous Anonymous said...

totalmente d'accordo con Ursus,è bello spaziare, è nel concetto stesso di popular art..tra l'altro qui di musica ne sappiamo molto di più più di certi "saputelli" che scrivono su certa carta patinata,....che i giornalisti (anche politici) sparino a zero su blog o riviste online è comunissimo ultimamente,...anche perchè lo scritto online rischia di renderli obsoleti,...una volta una recensione su una rivista musicale era l'unico modo per sapere di una band (che ne so, CHEEPSKATES) e la leggevi religiosamente, anche se la scriveva Carù che non è esattamente un grande scrittore,...ora con un click accedi ad intere pagine all over the world che parlano del disco,..io direi che il pluralismo e la libertà ci guadagnano molto
Mich.

7:51 AM  
Anonymous Anonymous said...

Comunque sia W TINO SCOTTI e che gli ominidi come Pino Scotto si estinguano finalmente,lasciando spazio a chi della cultura musicale è veramente appassionato...sono un genio della MOSICA,come diceva Totò alias il maestro Scannagatti cigno di Caianiello URSUS

2:17 PM  
Anonymous Anonymous said...

..il Maestro Scannagatti?? haha sempre grande TOTO',...cmq stavo guardando le "chiavi di ricerca" delle visite al sito e tra queste emerge SOVRANA una:... "significato di Sette Fili di Canapa"
Mich.

12:58 AM  
Blogger pibio said...

http://www.zonicweb.net/badalbmcvrs/hallofsh.htm

Al link qui sopra 35pagine35 di copertine di album semplicemente orripilanti!!
da non perdere!!

1:44 AM  
Blogger pibio said...

anzi, 38 pagine.

1:49 AM  
Anonymous Anonymous said...

hahaha ,grandioso, qui c'è materiale per(almeno) 42 specials di "best copertine de todos los tiempos"..quelli di "Battles On The north" sono dei GENI ASSOLUTI
Mich.

1:53 AM  
Anonymous Anonymous said...

e hai visto la sezione "oh, no! they're Germans"!"
ROBA DA NON CREDERE!
Più avanti anche risvolti inquietanti, però...come la copertina coi Beatles seduti con in braccio dei piccoli feti.
quella mi ha un po' mosso, devo dire, cazzo....

pibio

4:15 AM  
Anonymous Anonymous said...

haha yes, la copertina del mitico HEINO l'avevo già vista da qualche parte (an absolute CULT !),...dei BRAINTICKET credo di avere un lp , era un gruppo prog degli anni 70,...grandiose too le copertine dei "predicatori" fondamentalisti cristiani reaganiani-born again usa, tipo il tipo predicatore-karateka, ...che soggetti!
Mich.

4:33 AM  
Anonymous Anonymous said...

BRAINTICKET erano grandiosi!
psycho-prog a cavallo tra 60 e 70...li vidi dal vivo insieme a Keith Tippet,un jazzista sperimentale molto astruso,ma loro erano super acidi..."Celestial ocean" e "Psychonaut" gli albums più belli!
Non erano solo tedeschi ma in parte svizzeri e francesi.
La copertina dei BEATLES di cui parli è sicuramente "Yesterday and today":uno dei dischi più QUOTATI AL MONDO,perchè uscito solo negli USA e per meno di un giorno,in quanto ritirato subito dal mercato,in pratica non è altro che "Rubber soul" ma IO lo trovai in quella edizione una ventina di anni fa e già allora fu venduto ad una CIFRA(!!)per i collectors dei FAB4 è una reliquia URSUS

12:39 PM  
Anonymous Anonymous said...

OK,sono andato a vedere ora sul sito ed è proprio "Yesterday and today":lo so che è choccante,ma sono solo bambole di plastica,niente paura...fa più paura il prezzo!
Non capisco però perchè hanno incluso tra le BRUTTE copertine i Brainticket(anche "Cottonwoodhil" è un gran disco!)e gli americani SEEKERS,quell'album è del 1967 ed è nel loro classico stile folk-rock,a me piacciono un casino ed anche l'immagine è un classico di quei tempi,su youtube ci sono parecchi pezzi dei Seekers,alcuni veramente eccezionali,per chi non li conoscesse... URSUS

1:25 PM  
Anonymous Anonymous said...

grazie, non ho nulla dei SEEKERS e guarderò i video,...altro gruppo folk rock (ma penso UK) eccezionale erano i DR. STRANGELY STRANGE, davvero grandiosa la loro track " Existence Now",...ora capisco da dove si sono ispirati gli STEPPES per certi lenti dei primi 2 loro lps

Mich.

1:54 AM  
Anonymous Anonymous said...

DR. STRANGELY STRANGE erano infatti inglesi,ed incidevano per la VERTIGO che è un etichetta mitica nel panorama a cavallo tra i 60 e 70 (la famosa SPIRALE sull'etichetta)oltre a questi presentava un ampio catalogo di formazioni interessanti,sia sul versante progressive che sull'acid-folk URSUS

2:59 AM  
Anonymous Anonymous said...

yes, ad esempio il primo, ottimo lp , dei TUDOR LODGE ,...mi ricordo anche i MAGNA CARTA

Mich.

3:24 AM  
Anonymous Anonymous said...

Esatto,eccellenti anche i FAIRFIELD PARLOUR,ex-Kaleidoscope (UK)comunque in quell'elenco di covers ce ne sono alcune erotiche niente male,degne del maestro Joe D'Amato URSUS

7:32 AM  
Anonymous Anonymous said...

'azz URSUS, non conoscevo i SEEKERS!
Ma sono favolosi!!!
che roba...
(oltre che ospitare una banda di pazzi questo blog è una miniera d'oro...)
pibio

11:13 AM  
Anonymous Anonymous said...

Cavoli,hai detto niente!
Una folkin'band eccezionale,con una voce femminile straordinaria...essenziali sono gli albums "Come the day" e "Seen in green"...non so perchè tra i cultori del sixties-sound non siano così conosciuti,forse per il loro aspetto così classico che trae in inganno,in realtà furono parte del movimento esattamente come i Byrds o i Jefferson,con una presenza molto particolare dello slap-bass che non si usava più molto,allora URSUS

12:01 PM  
Anonymous Anonymous said...

sempre grande Pibio che sa apprezzare la vera cultura,...più pazzi utopisti historiens e meno Politicantasrti e Leccaculo dei Politicantasrti in Italia, PLEASE !
(ps: grandi i SEEKERS e too gli album late 60s dei GRANDI MONKEES)

Mich.

12:23 PM  
Anonymous Anonymous said...

..I meant Politicantastri

12:24 PM  
Anonymous Anonymous said...

cmq Ursus in effetti avevi ragione, i BRAINTICKET erano svizzeri,...l'album che ho io si chiama "Psychonaut" ed è il loro 2°(del 1972 , per l'esattezza, mentre il primo era appunto "Cottonwoodhill"),..nella band c'era un tal Joel VANDROOGENBROECK al flauto, tastiere e vocals (alla voce c'era anche Carole Muriel)and too Rodolfo Bianchi come" music assistant",...disco estremamente eclettico e sostanzialmente valido(10 volte di più di certe puttanate odierne da heavy rotation), soprattutto in "One Morning" e "Feel The Wind Blow"
Mich.

1:08 PM  
Anonymous Anonymous said...

OK,ragazzi...però qualche volta datemi anche torto,altrimenti posso montarmi la testa.
URSUS

2:07 PM  
Anonymous Anonymous said...

Ecco,intanto vi dico che ogni tanto mi confondo anch'io,perchè non vi ho detto che i SEEKERS erano australiani,suonavano in modo molto americano e ricordavano le folk ballads del west,però arrivavano dalla terra dei canguri...hanno vissuto moltissimo negli USA,comunque.URSUS

2:26 PM  
Anonymous Anonymous said...

Nessun problema Ursusdursus, ci pensiamo noi a non farti montare la testa..

Sempre rimaneno in tema "Chesterfield Kings" mi veniva in mente Nicola Arigliano e la pubblicita ' del Digestivo Antonetto, che sicuramente il buon Mich avra' apprezzato a Carosello..
C

1:28 AM  
Anonymous Anonymous said...

damnn , grandissima quella pubblicità del digestive ANTONETTO, come dimenticarla????....sempre in tema pubblicità vintage, tempo fa nominavo il grande "Liberi, Armati, Pericolosi" (ROMOLO GUERRIERI, 1976),...dove dei giovinastri seminavano panico a Milano,...durante una scorribanda in macchina si avvicinarono ad un ricco vecchio in una lussuosa vettura e gli dissero: "uheilà Bamba,..ma ce l'hai la cintura del Dottor GIBOD???? "

Mich.

1:35 AM  
Anonymous Anonymous said...

cmq bella "Morning Town Ride" dei SEEKERS
Mic.

2:11 AM  
Anonymous Anonymous said...

io invece vi segnalo su YUTUB il video della celebre "C'e' da spostare una pecora" del grande Benito Urgu (barritas, messa beat, sexy phonny,etc etc..ma lascio la parola ad ursusdursus..)

C

5:59 AM  
Anonymous Anonymous said...

BENITO URGU è un'icona della cultura pop,negli anni 60 membro dei sardo-beatnicks BARRITAS e più avanti addentratosi nel cabaret demenziale con il singolo "Sexy Fonny" in cui lei le diceva "Je t'aime" e Urgu rispondeva "Non temereeee" autentico trash sardo da battaglia URSUS

9:44 AM  
Anonymous Anonymous said...

grandissimo, lo ricordo in quella trasmissione di Chiambretti su raitre, quella dove c'era anche quel professore ex campione di Mike Bongiorno (professor Marianini??? or similar) e quell'ultraesperto di film trash e sexy, quello che aveva la faccia da maniaco sessuale, non ricordo il nome ma era un mito
Mich.

12:32 PM  
Anonymous Anonymous said...

ah ecco, il programma si chiamava "Prove Tecniche di Trasmissione" (1990) ,...mi piaceva un casino, fu il precursore delle trasmissioni calcistiche domenicali,se non ricordo male c'era anche il mitico TATTI SANGUINETTI ...più avanti l'idea fu sfruttata da quel furbone di Fazio,... purtroppo non mi sovviene il nome del critico cinematografico-maniaco, mi pare avesse gli occhiali
Mich.

12:45 PM  
Anonymous Anonymous said...

Il prof. Mariannini era un torinese DOC (non so se sia ancora vivo) anche a GRP (tv dove lavoravo io con Chiambretti nel'78)presentava un programma "Mariannini e l'etere" con altri strampalati personaggi:esorcisti,templari,pianisti ispirati da Satana ecc...un tipo molto eccentrico,vestito come un signorotto dell'800,molto particolare...in quel "Prove tecniche di trasmissione"(ricordo anch'io che era il 90 perchè pubblicai il libro sul beat)c'era persino un mio ex compagno d'armi,un mago esoterico di Cormons(Udine)di cui ora mi sfugge il nome,già all'epoca della naja si interessava di occultismo...io sono molto scettico in merito,ma certi personaggi mi divertono molto,purchè non tendino ad imbrogliare il prossimo(tipo Wanna Marchi,per intenderci) URSUS

2:09 PM  
Anonymous Anonymous said...

ah, ecco dove il Chiambretti aveva conosciuto il mitico Mariannini(con due n),...in effetti il prof. era un personaggio molto singolare, con un linguaggio estremamente forbito e "aulicizzante" e un modo di vestire tipo personaggio gozzaniano fin du siècle che rimpiangeva l'epoca risorgimentale,...se ci badate bene, nell'Italia cialtrona/arraffona/telefonina di oggi, personaggi del genere non ci sono più
Mich.

2:31 PM  
Anonymous Anonymous said...

avete mai dato un occhio qui?

radioviolenza.blogspot.com

io & alcuni amici miei impegnati nella riabilitazione della nobile arte del fotoromanzo (demenziale)

pibio

2:41 AM  
Blogger Michel said...

...sempre ottimo RADIOVIOLENZA! ,..lo inserisco nei links domattina che merita mucho

2:56 AM  
Anonymous Anonymous said...

Di fotoromanzi negli anni 70 c'era un'inflazione:Katiuscia,Katia Rivelli(sorella di Ornella Muti)Franco Dani ecc...tutta gente che mia madre si spolpava a settimanali Lancio.
Comunque Mariannini venne fuori negli anni 50 a "Lascia o raddoppia?" e per il suo particolare stile continuò poi con i caroselli...io lo vedevo spesso sull'autobus,ora non più,ma in compenso vedo Angelo,l'anziano ex-fiat più tatuato del mondo,non ha un solo centimetro di pelle che non sia tatuato URSUS

3:31 AM  
Anonymous Anonymous said...

grandissimo mariannini (peccato pero' di una sua "recente" candidatura x forzaitalia)..
Ma gari confondo ma il critico cinematografico non era lo stesso tatti sanguineti?
lo ricordo sperticarsi x edvige fenech!!
C

5:47 AM  
Anonymous Anonymous said...

sì c'era Sanguinetti ma ce n'era anche un altro, un tipo assolutamente eccentrico
Mich

5:49 AM  
Anonymous Anonymous said...

cmq hai visto Pibio che dal 1° ottobre shinystat fa la geolocalizzazione??..cioè segnala le visite per città, è veramente una figata,..example fra gli ultimi visitors dall'estero abbiamo: Konin (poland) , Grasbrunn, germany, Kaunas, Lithuania,Wageningen, Netherlands, Quebec City, canada , Talagante, Chile,etc. etc. ,..solo che so per certo che ieri c'han visitato da Moscow ma le statistiche non l'han segnato, quindi PURTROPPO some troubles,..anyways figata
Mich.

6:13 AM  
Anonymous Anonymous said...

DA ero io vostro tovaric I Putin che legevo Popartx meglio che Pravda specialissimamente quando scrive nostro tovaric Ursusdursus.
Putin

7:52 AM  
Anonymous Anonymous said...

haha magari era il mitico ZAVAROV
MIch.

7:59 AM  
Anonymous Anonymous said...

Da da,Kanasciò!Tovarisc Michelovski e tovarisc Cristianovic...Mariannini a forzaitaglia??Strano,perchè so che anni fa si era candidato per i verdi...comunque Tovarisc Sanguinetti lo ricordo in costume tradizionale sardo mentre andava in giro con Chiambretti alla ricerca dei BARRITAS.
Per la cronaca:il gruppo sardo fu molto attivo tra il 1963 e il 1969(leggete su "Manifesto beat")in seguito ebbe alcune filiazioni,tra cui i SALIS&SALIS,poi divenuti i SALIS con l'LP "Sa vida ita est",nonchè gli ottimi GRUPPO 2001 con il bell'album pop-folk "L'alba di domani" all'epoca censurato dalla rai democrista per via della canzone dedicata a Padre Vincenzo,un prete cacciato via dalla chiesa per essersi innamorato di una donna...come sappiamo il clero preferisce difendere i pedofili e gli stupratori URSUS

12:00 PM  
Anonymous Anonymous said...

AhAhAh!
Zavarov e Aleinikov!
fantastici!

grazie Mich per Radio V!!

pibio

1:56 PM  
Blogger Michel said...

Aleinikov era un indubbio fuoriclasse!!! avrebbe avuto doti naturali ancora migliori di quelle del Pibe DIEGO ARMANDO MARADONA , ma era un attimo svogliato (haha)....ok, aggiunto Radio Violenza Internascional!

12:46 AM  
Anonymous Anonymous said...

Minchia ragazzi avete troppo ragione..quei due cosacchi non hanno mai fatto un cazzo. della serie "Incauti acquisti" della juve.
non parliamo dell'accoppiata dei due tedeschi. chi eran gia?
reuter uno..e l'altro?

ursusdursus la candidatura del prof la ricordo abbastanza bene.
pero' sempre meglio verificare.
un mio amico sapeva dove abitava, dietro alla gran madre

C

3:49 AM  
Anonymous Anonymous said...

l'altro era Andreas Moeller, dall'Eintrach Frankfurt (fregato all'atalanta per una trentina di milioni...)

pibio

4:04 AM  
Anonymous Anonymous said...

esattamente , Andreas MOELLER, il fantasista,...uno che giocava dannatamente bene era LAJOS DETARI , ungherese del Bologna
Mich.

4:08 AM  
Anonymous Anonymous said...

...ma uno che era assolutamente un mito era RENATO PORTALUPPI, ingaggiato dalla Roma,..potenzialmente un fuoriclasse ma non fece mai un cazzo
Mi.

4:11 AM  
Anonymous Anonymous said...

Mich moeller anche, ma con reuter arrivo' KOHELER, che come stopper roccioso non era male. molto old school, per intenederci
C

1:32 AM  
Anonymous Anonymous said...

sì ricordo bene Jurgen Kohler, ebbe un ottimo rendimento,bravo stopper, quello coi baffi right?
Mich.

1:38 AM  
Anonymous Anonymous said...

esatto! diciamo un difensore di germanica tradizione che ,strano ma vero, funziono'..
all'epoca òla juve prendeva gli stranieri rigorosamente in coppia.
che fossero in saldo?
C

3:51 AM  
Anonymous Anonymous said...

può darsi,...io ricordo che quando ero un ragazzino andai a vedere un Verona-Inter 1-2 e segnarono SHPILLO ALTOBELLI e ...gran gol su punizione di HANSI MUELLER,...aveva grandi potenzialità ma era sempre infortunato,...della Juve ricordo anche il portoghese RUI BARROS
Mich.

4:27 AM  
Anonymous Anonymous said...

barros e' uno che si ricorda volentieri x la sua velocita' e dribbling, forse era anche forte col sinistro su punizione..
C

6:14 AM  
Anonymous Anonymous said...

è vero, era molto veloce,...ma insuperabile resterà il mitico CARLETTO MURARO in coppia con SHPILLO ALTOBELLI
Mich.

3:38 AM  
Anonymous Anonymous said...

ricordo ancora carletto..imprendibile sulla fascia sinistra. a meno che non si trovasse davanti Gheddafi..e li le questioni erano diverse
C

5:50 AM  

Post a Comment

<< Home

Blogarama - The Blog Directory links